Dicembre: il mese per eccellenza dell’inverno. Un mese magico, ricco di feste e di momenti da passare insieme ai propri cari. C’è un momento in particolare che racchiude in sé il fascino dell’inverno…ma non stiamo parlando del Natale, bensì della tanto attesa vacanza sulla neve! Come prepararsi ad una vacanza in montagna, soprattutto con i bambini? Tra piste da sci, pupazzi di neve e passeggiate, i bambini fremono per partire e poter giocare con la neve e con i propri genitori.
Come è meglio organizzarsi e cosa è bene sapere prima di partire con i bambini, soprattutto per quanto riguarda l’abbigliamento e l’alimentazione?

Scopriamolo insieme.

mondopiccino-vacanza-neve3

Tempo di relax tra passeggiate e piste da sci

I bambini fino a due anni possono fare delle brevi passeggiate sulla neve, stando molto attenti a non rimanere troppo fuori al freddo. E’ vero che vanno lasciati liberi di giocare, esplorare e curiosare, ma la vigilanza deve essere altissima, soprattutto se le temperature sono molto basse: la montagna nasconde molti pericoli e la sorveglianza costante da parte dei genitori è assolutamente necessaria.

mondopiccino-vacanza-neve2I bambini piccoli si stancano presto e sentono molto freddo in breve tempo: per questo motivo è bene programmare passeggiate all’aperto della durata massima di mezz’ora. Se siete appassionati di trekking e passeggiate in montagna e volete comunque portare i vostri figli, organizzatevi per portare il bambino sulle spalle nello zaino, ma ricordate sempre che le sue gambine possono soffrire molto il freddo e diventare presto gelide, dal momento che il bambino non si muove. Questa soluzione va adottata solo per compiere solo brevi spostamenti, magari difficoltosi per il bambino.
Intorno ai 2 anni il bambino può cominciare a divertirsi con gli sport della montagna, come lo slittino e il bob: attenzione però alla sicurezza! Assicuratevi di fargli indossare sempre un caschetto di protezione per evitare colpi alla testa in una delle possibili cadute.
E i tanto adorati sci? Prima dei 3-4 anni è del tutto inutile mettere gli sci ai piedi di un bambino, visto che non ha l’equilibrio e la padronanza psicomotoria per potersi divertire come i più grandi. Per imparare a sciare è meglio aspettare che il bimbo abbia compiuto almeno 4 anni ed è buona norma iscriverlo a un corso collettivo, che in genere si svolge su pendii molto dolci. In questo modo, potrà condividere con altri bambini l’esperienza e divertirsi in sicurezza: ricordatevi che fino ai 15 anni è indispensabile il casco, per cui assicuratevi che lo indossi sempre quando si trova sugli sci.

 

Un occhio di riguardo per l’abbigliamento!

Per quanto riguarda l’abbigliamento da sci (e non), i bambini piccoli mondopiccino-vacanza-nevevanno coperti molto bene, soprattutto se non hanno ancora l’età per muoversi liberamente e quindi di riscaldarsi. Indispensabili sono i body in lana o caldo cotone, micro-pile, calzamaglia di lana, tuta intera impermeabile con cappuccio, guanti e cappello. Se il bambino è più grandicello e già lanciato sulle piste da sci, bisogna vestirlo in modo da lasciarlo libero di muoversi, pur mantenendosi ben caldo: maglia intima in caldo cotone, micro-pile, calzamaglia di lana e tuta intera o due pezzi sono l’abbigliamento ideale per un piccolo sciatore. Scarponi da neve, cappello e guanti da sci sono, infine, gli accessori finali per completare l’abbigliamento perfetto per la pista.

 

Un’alimentazione sana per affrontare la giornata di sport

Ultimo aspetto da considerare per vivere una fantastica vacanza sulla neve è l’alimentazione. Ci vogliono tante energie per divertirsi sulle piste! Assicuratevi, quindi, che il bimbo mangi a sufficienza a colazione: latte, cereali, marmellata, frutta e cioccolato forniranno tutte le energie immediatamente spendibili per le attività giornaliere. A pranzo, nella caratteristica baita immersa nel verde, optate per un bel piatto di pasta, che gli permetta di continuare a sciare senza sentirsi affamato, e a merenda concedetegli (e anche a voi!) una bella cioccolata calda, concludendo la giornata con una cena leggera.