Il momento del bucato è forse uno dei più temuti dai neo-genitori. I dubbi sulla scelta del detersivo, della temperatura e dei prodotti igienizzanti può spaventare anche i più coraggiosi, soprattutto se queste scelte possono compromettere in qualche modo la salute e il benessere del piccolo. Con questo articolo vogliamo aiutarvi ad affrontare quel mostro ciclopico chiamato lavatrice e assicurare un bucato e un igiene impeccabili per il corredino dei vostri bimbi.

Skinny little girl in a basin for washing clothes in the laundry room

La sicurezza prima di tutto

Non importa se li laviate in lavatrice o a mano: l’importante è che già dai primi lavaggi del bucato del bebè, si rispettino alcune norma igieniche fondamentali. Tutti i vestitini, che siano appena usciti dal negozio o appartenuti al fratellino/sorellina, devono essere lavati e igienizzati a dovere prima di essere indossati: il momento del lavaggio è assai importante, in quanto la pelle del bambino, e del neonato in particolare, è molto sensibile e delicata. Per evitare che si arrossi o si screpoli, o che sia soggetta a fastidiosi pruriti o allergie, è meglio evitare mondopiccino_lavatrice2ammorbidenti stupendamente profumati almeno fino a sei mesi, cosi’ come i normali detersivi per il bucato, ricchi di sostanze acide e alcaline. Per scongiurare dermatiti e problemi respiratori, è consigliabile utilizzare un sapone di Marsiglia, molto povero di additivi, ma dal grande potere pulente e igienizzante. In alternativa al sapone di Marsiglia, è possibile utilizzare i detersivi adatti per il bucato del neonato, creati apposta senza fosfati proprio per evitare allergie e sfoghi alla pelle. Altra cosa importantissima è lavare il bucato separato rispetto a tutto il resto della biancheria della famiglia, che potrebbe contaminarlo con agenti esterni resistenti ai lavaggi delicati del corredino.

 

A mano o in lavatrice?

Teniamo conto che la biancheria del bebè deve essere lavata in modo tale da garantire un alto livello di igiene assicurando nello stesso tempo che non rimangano tracce di detersivo, per evitare irritazioni. Se decidiamo di lavarli in lavatrice scegliamo un detersivo apposito, rispettando la quantità e la dose consigliate: mettendone troppo poco si rischierebbe di non lavare bene i capi e mettendone troppo sarebbe complicato risciacquarne tutti i residui. In aggiunta al detersivo, sarebbe buona abitudine aggiungere anche un igienizzante battericida a base di ossigeno attivo, soprattutto se si effettuano lavaggi a basse temperature.mondopiccino_lavatrice3

E’ meglio fare del carichi leggeri, senza pressare la lavatrice: in questo modo l’acqua circola meglio tra i capi, lavandoli e risciacquandoli in modo più efficace, evitando così ristagni di acqua sporca che renderebbero inutile il lavaggio.

Inoltre, è assolutamente da evitare l’uso di sbiancanti e candeggianti, che causano dermatiti e allergie. In alternativa all’ammorbidente, si può utilizzare dell’aceto bianco che ammorbidisce i capi e in più’ gli igienizza ed elimina i residui di calcare e di sapone, salvo poi risciacquare il tutto con molta attenzione. Lavare a mano i vestitini, invece, è il modo più semplice e preferito dalle mamme. Se decidiamo di lavarli a mano, infatti, basterà mettere i vestitini in ammollo in una bacinella con acqua calda per due ore, con due cucchiai di sale grosso e sapone di Marsiglia grattuggiato o già a scaglie. Dopo il periodo di ammollo, basterà strofinare delicatamente e se appaiono ancora macchiati o particolarmente sporchi, insistiamo con del sapone di Marsiglia o con acqua ossigenata. Per sciacquarli al meglio e avere la certezza di eliminare tutti i residui sarebbe ancora più indicato fare un risciacquo in lavatrice.

 

Piccole dritte per affrontare le macchie

Qualora ci siano delle macchie particolarmente ostinate, ecco per voi alcune dritte per eliminarle definitivamente.

  • Bianchi: passate del sapone di Marsiglia con dell’acqua ossigenata sopra la macchia e lasciate il vestitino al sole, oppure strofinate un limone sulla macchia e lasciate sempre al sole;
  • Colorati: passate del sapone di Marsiglia sopra la macchia o olio di eucalipto puro e lasciate al sole;
  • Anche per sbiancare pannolini lavabili e le lenzuola può essere utile fare lavaggi con bicarbonato e sapone di Marsiglia e, se è il caso, insistere strofinando sulla macchia e lasciando un po’ al sole, poi lavare con l’aceto bianco e risciacquare abbondantemente.