La pulizia della cameretta e dei vestiti (accessori compresi) sono due elementi indispensabile se vogliamo che i nostri piccoli angeli crescano sani e al riparo da malattie, allergie e problemi di salute. Molto spesso, tuttavia, una corretta igiene e meticolosità nella pulizia di tutto ciò che riguarda i nostri bimbi è sottovalutata, o eseguita in maniera sbagliata.

Ecco perché, in questo articolo, vogliamo darvi dei piccoli consigli in merito, al fine di assicurare una crescita sana e sicura per i vostri figli, al riparo da batteri e virus.

mondopiccino-natural-world1

La cameretta

La cameretta dei vostri bambini, che sia la stanza da letto o la stanza dei giochi, deve essere pulita tutti i giorni, con una spolverata generale dei mobili utilizzando un panno umido e con una passata di aspirapolvere soprattutto se sono presenti moquette e tappeti. L’accumulo di polvere, infatti, potrebbe portare a sviluppare allergie, soprattutto agli acari, evitabili con una veloce spolverata che404ffcd439324afc5f3fb529c44921ac non vi porterà via più di 10 minuti. Inoltre, Due volte alla settimana, passate lo straccio per terra usando detergenti specifici (non tossici per i bambini, meglio se green o bio) o una soluzione alcolica, avendo cura di arrivare anche sotto alla culla, al letto e negli angoli nascosti, nascondiglio preferito dai batteri e dagli insetti.

Ogni mattina, quando il piccolo si sarà alzato, fate cambiare l’aria e controllate che la temperatura non superi i 21°; nella stagione fredda e, comunque, quando i caloriferi sono accesi, usate sempre un umidificatore nel caso in cui l’aria sia troppo secca (che potrebbe portare il piccolo a tossire o ad avere il mal di gola) e, nella stagione calda, se c’è il condizionatore, controllate che il getto di aria non sia diretto sul piccolo mentre dorme o mentre lo cambiate. Almeno due volte al mese lavate le finestre e cambiate le tende.

Vediamo ora la pulizia dei mobili, in particolare del fasciatoio, della vaschetta (se il bimbo li usa ancora) e delle federe/lenzuola:

  • Il fasciatoio: il materassino va lavato sempre dopo ogni cambio di pannolino con un panno inumidito con una soluzione alcolica, disinfettandolo spesso per evitare che si annidino germi e batteri, che, a contatto con la pelle delicata del bimbo, potrebbero far insorgere infiammazioni e funghi. Per quanto riguarda il mobile del fasciatoio in sé, invece, spolveratelo tutti i giorni utilizzando un panno umido o imbevuto con un prodotto specifico, come se fosse un normale mobile nella cameretta.
  • La vaschetta va lavata dopo ogni bagnetto eliminando l’acqua sporca, disinfettandola con un prodotto specifico. Per evitare che entri la polvere quando non viene utilizzata, conservatela rovesciata e in un luogo protetto.
  • Federe e lenzuola: parte importantissima del lettino dei vostri bimbi, esse vanno lavati almeno una volta alla settimana in lavatrice a 60° utilizzando detersivi specifici per bambini. Per proteggere il materasso utilizzate un coprimaterasso che va lavato spesso (almeno ogni due settimane).

I vestitini

Se il vostro bimbo è nato da poco o è ancora molto piccolo, richiede più cambi d’abito al giorno: per questo motivo, è file_171715_0_120215-4-typography-printsimportante scegliere tessuti naturali che non si restringano in lavatrice, se lavati spesso e ad alte temperature. Evitate di caricare eccessivamente la lavatrice, pressando molti indumenti insieme: questo potrebbe portare a ristagni di acqua sporca e detersivo, che andrebbero a impregnarsi nei vestiti, rendendo vano il
lavaggio. Per sbiancare i vestiti utilizzate prodotti naturali quali, per esempio, acqua ossigenata, aceto bianco e succo di limone,evitando assolutamente la candeggina. Le superfici interne dei cassetti e degli armadi riservati agli abiti del piccolo vanno pulite e spolverate frequentemente, al pari dell’esterno dei mobili della cameretta. Per proteggere gli abiti dalle tarme, al momento della conservazione,usate la canfora: questo è un prodotto al 100% naturale che tiene lontano gli insetti e perfetto sostituto della naftalina, agente chimico che potrebbe risultare dannoso per la salute del bimbo.