L’arrivo del vostro piccolo angelo si avvicina: la cameretta è pronta, il nome è stato scelto e non vedete l’ora di conoscerlo e iniziare insieme a lui questa nuova avventura lunga una vita. Sorge un dubbio però: avete messo tutto l’occorrente nella borsa dell’ospedale e avete acquistato il corredino giusto e, soprattutto, completo per il piccolo nascituro?

Nell’emozione delle settimane prima della nascita è naturale dimenticarsi qualcosa (anche importante) che potrebbe tornarvi utile nelle prime ore e giornate successive al parto: scopriamo insieme cosa occorre, al fine di non dimenticare nulla per questo giorno speciale.

 

FotorCreated

Cosa riporre nella valigia per l’ospedale

12446217_1008173395915894_1654498114_nyOgni ospedale, qualche giorno prima della data prevista, vi fornirà una lista di indumenti e oggetti indispensabili durante la degenza: attenetevi prima di tutto a questa lista (in quanto saranno cose assolutamente necessarie, non fornite dalla struttura). Normalmente, la lista comprende beni di prima necessità come:

• Cambi completi per il bimbo (corredini base comprendenti body, tutine intere, maglie e ghettine);

• Copertina;

• Calzini e berrettino.

In aggiunta, se nella lista non sono compresi, è necessario portare pannolini, olio detergente e salviette per il bagnetto e la pulizia del neonato dei 3 giorni successivi al parto. Suddividete i 3 cambi in modo coerente e facilmente riconoscibile, in modo tale da avere già pronti gli indumenti senza dover cercare troppo e affaticarvi.

Cosa avere in casa al ritorno dall’ospedale


10490277_798747906810086_575062662_nDa aver assolutamente acquistato prima del parto ci sono una serie di mobili e accessori sia per la cameretta sia per il bagnetto
del piccolo:

      • Una culla o, in alternativa, un lettino con riduttore;
      • Una carrozzina (in alternativa alla culla, a seconda delle proprie esigenze e possibilità economiche);
      • Lenzuola o federe per cuscini, se si ha scelto la culla;
      • U
        n fasciatoio con materassino per il cambio pannolino e vestitini;
      • Una vaschetta per neonati, un accappatoio con cappuccio;
      • Piccoli asciugamani per la pulizia giornaliera;
      • Pannolini taglia piccola per le prime settimane e taglia media dal primo mese in poi, a seconda della velocità con cui il vostro bimbo cresce;
      • Bagnoschiuma e shampoo (scegliete sempre prodotti naturali e anallergici, per evitare reazioni indesiderate della pelle);
      • Accessori per la toeletta, come spazzole in setola, pettinini stondati e forbicine per le unghie.

Per non sbagliare, chiedete alle vostre mamme, zie o nonne consigli utili sui primi vestitini da acquistare: avendo già esperienza sapranno aiutarvi e consigliarvi nel migliore dei modi. In particolare, riguardo ai corredini, chiedete loro consigli (o magari come regalo):

      • Bavaglini in gran quantità (andranno lavati molto spesso);
      • Body intimi, in cotone leggero e pesante, a seconda della stagione;
      • Pigiamini;
      • Tutine intere o magliettine e pantaloncini;
      • Golfini;
      • Calzini e berrettini.

Non sono da dimenticare nemmeno le lenzuola per il lettino, i biberon (specialmente se l’allattamento al seno non è purtroppo possibile) e i ciucci con le relative spille da appuntare ai vestiti, per non perderli.

967770_781432805208263_697306840_nPer “ammortizzare” le spese

Per non dover spendere molto prima della nascita, ma avere comunque tutto l’occorrente a portata di mano per ogni evenienza, potreste chiedere come dono per il nascituro alcuni indumenti o accessori del corredino; in alternativa, un’usanza molto diffusa soprattutto in America, è organizzare una vera e propria festa, la cosiddetta “festa pre-parto“, in cui si ricevono in regalo molti degli accessori indispensabili soprattutto nei primi mesi (come pannolini, tutine e body): in questo modo potrete ammortizzare l’acquisto di molti oggetti, che, nella maggior parte dei casi, utilizzerete assiduamente e, allo stesso tempo, condividere la gioia della nuova vita che sta arrivando.